Multe, gestione nel mirino, esposto alla Corte dei conti

Esposto alla Corte dei Conti per danno erariale in un Comune della Provincia per la gestione delle multe. Un agente di polizia municipale denuncia il comandante, oggi in pensione, del comune dove lavorava fino a poco fa, avanzando dubbi sulla gestione delle multe negli anni passati. Quando anche lui era in servizio.

Il denunciante oggi è sempre operativo ma in altro comune, dice di essere stato costretto a chiedere il trasferimento. Nell’esposto scrive di «un sistema di micropotere e favoritismi verso gli amici degli amici» che si era venuto a creare e rimarca quella che ritiene sia stata «una confusionaria e caotica gestione dell’ufficio contravvenzioni». Specifica il periodo in cui si sono verificati quelli che, a suo giudizio, sarebbero stati «veri e propri abusi di potere che hanno dato luogo ad un sistema».

Nel documento indirizzato all’Organo di controllo si legge di «archiviazioni dei verbali di preavviso per violazione alle norme su divieto di sosta e sosta regolamentata a disco orario o altro». E ancora c’è scritto di «archiviazioni senza passaggio in Prefettura». E di «archiviazioni a favore di amici». Il vigile urbano che denuncia, sottolinea che, nel comune di riferimento, si arrivava «talora ad archiviare sulla base dell’accertamento sommario della residenza di un automobilista … accordando deroghe che avrebbero dovuto essere precedute da accurata istruttoria». Per tutto questo, a suo avviso, si configurerebbe la responsabilità erariale.

Naturalmente è tutto da accertare ma «quanto affermato – mette nero su bianco il denunciante – potrà trovare ampia conferma nel cartaceo degli avvisi di accertamento e nei verbali di violazione, nonché nella banca dati telematica di cui si chiede attività di acquisizione». Chiude così la nota il vigile urbano che «chiede di essere sentito sul punto e chiede che venga sentito un suo ex collega».

6-10-2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest