Colonie estive, i bimbi scalpitano

Al via le colonie estive e, con esse, il ritorno alla vita per tanti bambini che non vedono l’ora di tornare a giocare insieme dopo la scuola. «Le iscrizioni sono in corso – dice il sindaco Nazareno Franchellucci – con numeri contingentati per rispetto delle misure anticovid. Sarà una bellissima estate». Sulla scia dell’anno passato prosegue la collaborazione tra Comune, parrocchie, centri infanzia privati. Tanti volontari si preparano a fare gli educatori. Per don Lorenzo Torresi, della parrocchia San Pio X di Marina Picena, è la prima volta. Prima di lui c’era l’idolo dei bambini don Andrea Andreozzi che, 9 mesi fa, è diventato rettore del seminario di Assisi. Don Lorenzo porterà avanti la tradizione: «ci siamo organizzati per fare tutto in sicurezza – spiega – in base alle nuove misure abbiamo rivisto le regole. Abbiamo fatto il punto 10 giorni fa e martedì 15 giugno si comincia, la macchina si è mossa da tempo. Stiamo decidendo sui dettagli». Le iscrizioni sono già chiuse. Chi è fuori è fuori, chi è dentro è dentro da lunedì 31 maggio. «Partecipano da tutta la città» spiega il don. La mattina il ritrovo è in chiesa. Ognuno nel suo quartiere. Da lì si prende la strada per il mare. L’entroterra non resta alla finestra, sia chiaro. Va a gonfie vele il connubio tra i centri privati, Alchemilla nel coordinamento, e l’associazione di quartiere Cretarola. Il presidente Angelo Tosoni mette a disposizione i locali «per dare un servizio alla cittadinanza» sottolinea. Morena Bugiardini dell’associazione di promozione sociale Alchemilla parla della rete privata, si scopre che le attrattive per la fascia d’età 6/14 anni sono infinite ma anche i piccolini dai 3 ai 6 anni avranno da divertirsi un mondo. Per le disabilità c’è un’organizzazione specifica. Con Alchemilla ci sono Baby Disney e il Centro Bilingue, per i più piccoli. «Siamo molto legati, abbiamo fatto rete – fa sapere Bugiardini – il progetto sviluppato quest’anno è in continuità con quello dell’anno scorso». Tema: “I Viaggi di Gulliver”. C’è il mare  la mattina allo chalet Corallo e il pomeriggio si passa nella sede Alchemilla di via Montecarlo. Tante sono le attività per i piccoli delle elementari e medie: teatro, lingue (in collaborazione con Helen Doron, linguista ed educatrice che ha rivoluzionato l’insegnamento dell’inglese per bambini e ragazzi di tutte le età). I provetti Archimede possono cimentarsi nei laboratori scientifici, c’è l’astronomia e c’è la matemagiocando per sviluppare le capacità logico-matematiche. A Cretarola resta il cult: l’educazione ambientale. Ci sarà da divertirsi riscoprendo le antiche tradizioni: «la tematica conduttrice sono le fiabe marchigiane, ogni settimana se ne racconta una, legata alla nostra terra». I bambini potranno anche sporcarsi le mani con le erbe officinali e aromatiche, riscopriranno i giochi antichi: la campana, l’elastico, il rialzo e la bella statuina, nascondino e ruba bandiera. La peculiarità è il centro estivo inclusivo a Cretarola, con programmi specifici per le disabilità. Per il terzo anno arriveranno appositamente allo scopo famiglie da fuori Regione quest’estate, perfino dalla Sardegna. Si parte il 7 giugno. Ci sono così tante attività per i pargoli, che daranno fondo alle loro energie. Ragion per cui ai loro genitori resteranno momenti d’intimità. Anche questo è un aiuto alle famiglie. 4-6-2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest