i buoni a tutto sono capaci di tutto

Ammazzarne cento per arricchirne dieci, ecco quello che succede in mare. Trafficanti di carne da macello. Non me la danno a bere no, non c’è bontà. C’è cinismo, cattiveria. Direi stupidità se non fosse che è fin troppo evidente che questi fanno i furbi. E ci marciano tutti i politicamente corretti, pardon, stronzi. I poveri disgraziati ai quali viene promesso l’Eldorado sono i pinocchi e i lucignoli del paese dei balocchi, possono pure affogare. Li vedo i politicamente corretti salire sui barconi a favore di telecamera, in foto con i i trafficanti. Le vedo le ragazzine viziate senza arte né parte che, in nome del paparino ricco, speronano la motovedetta delle fiamme gialle. Quante toghe ammaestrate ancora bisogna contare e a quante vergogne ancora bisogna assistere prima che cambi qualcosa in direzione dell’umanità? Quella vera, non quella così, tanto per riempirsi la bocca. Quanti venditori di morte ancora possono farla franca dietro al paravento del salvataggio in mare, che bisogna leggere al contrario. Naturalmente. (1984)

A quanti uomini e donne ancora dobbiamo togliere la dignità, vederli ciondolare tutto il giorno e chiedere l’elemosina davanti ai supermercati, guardarli mentre sono sempre al telefono e in bicicletta, senza un domani, senza una prospettiva di futuro?

Dove sono i buoni oggi, con 130 i morti al largo della Libia?

Quanti gommoni ancora dobbiamo vedere affondati prima di aprire gli occhi?

Ma già, che mi arrabbio a fare, è tutto inutile

Non sono buona e, con questi buoni qui, me ne vanto

 

https://www.askanews.it/cronaca/2021/04/23/naufragio-di-migranti-davanti-alla-libia-si-temono-130-morti-top10_20210423_000658/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest