Scogliere, villa Baruchello e asfalti, gli obiettivi per un anno migliore

Piano triennale delle opere pubbliche: tra asfalti, messa in sicurezza delle scuole, marciapiedi, mercato coperto, difesa della costa, illuminazione e fibra c’è parecchio da fare. Sono 23.2 milioni da spendere in tre anni di cui 7.7 mln nel 2021,11.5 mln nel 2022 e 4.1 mln nel 2023. Saranno 9.5 mln di mutuo, 930mila euro da stanziamento di bilancio da 310mila euro l’anno. Il resto sarà finanziato con altre risorse statali, regionali e comunali. Il 2021 è l’anno delle scogliere emerse con 7.250.000 euro di finanziamento di cui 500.000 subito e 6.750.000 nel 2022. Sarà anche l’anno della fibra ottica con 200.000 euro per abbracciare il futuro digitale. E sarà l’anno della riqualificazione di villa Baruchello con un milione del Cipe. Anche le strade saranno asfaltate finalmente con 2milioni per asfalti e altri lavori sui marciapiedi, 250mila euro per Marina Picena, 850mila per la Faleriense lungomare compreso, altro intervento alla rotatoria di via Garda, incrocio con raccordo Bonafede per 150mila euro, illuminazione compresa. E ancora luce in via della Tecnologia con 100mila euro. Il 2021 sarà anche l’anno delle scuole tra manutenzioni e adeguamenti sismici alle medie Marconi e Galilei, alla Rodari, alla Mercantini, alla Martiri per 2.950.000 euro. Lavori al cimitero con nuovi loculi, ampliamento da 600mila euro che andrà avanti nel triennio. Infine ci sono 575mila euro per il campo da baseball di via Caserta. Nel 2022 si penserà al mercato coperto con 980mila euro per lo stabile vicino al Gigli in piazza Garibaldi. Anche la sede comunale sarà adeguata sismicamente con 1.300.000 euro. Ancora manutenzione straordinaria delle scuole e vicino alla Marconi sarà realizzata una struttura polifunzionale da 315mila euro. Impianto fognario da 200mila euro in via Potenza, collettore delle acque bianche di via Europa, sottopasso di via Canada per 100mila euro. Al 2023 resta poco ma sarà questo l’anno per mettere fine a un problema molto sentito che riguarda l’allagamento delle strade ad ogni pioggia, soprattutto la statale. S’interverrà finalmente sugli impianti fognari di via XX Settembre con qualcosa come due milioni di euro previsti per nuovi collettori, compresa via della Pace. Per concludere, si lavorerà al sottopasso di via Regina Elena con 1.800.000 euro. E’ un piano, questo, che sulle scogliere emerse lascia la casella  vuota nel 2023, con la speranza di riempirla visto che, quando si comincia, bisogna finire, altrimenti il problema non si risolve. Ben inteso che non si possono prevedere risorse che non ci sono, mancano all’appello quasi 20 milioni. Nel triennio, il peso dei numeri si concentra sul 2022, con 11 milioni, mentre all’anno che segue ne restano solo 4.

2-12-2020

Arriva la banda ultra larga. L’amministrazione ha deciso di concedere agli operatori di telecomunicazioni la possibilità di realizzare la loro infrastruttura di rete in fibra ottica, a patto che ne realizzino una parallela di proprietà del Comune, interconnettendo una serie di punti di interesse: municipio, scuole, punti strategici per videosorveglianza. Così il territorio sarà predisposto alla connettività in fibra fino a casa. Cittadini e imprese potranno avere così l’accesso al web a prestazioni impensabili al momento e il Comune avrà una propria infrastruttura all’avanguardia su cui sviluppare una serie di servizi ad alto livello. L’avvio dei cantieri per realizzare le nuove reti è previsto nel 2022 e probabilmente anche oltre tale data. Chi non arriva neanche la normale adsl dovrà aspettare ancora due anni e passa per una connessione più veloce. «Dobbiamo garantire la piena fruibilità delle opportunità della rete, soprattutto in questa fase che impone la scuola digitale e il lavoro a distanza – spiega il sindaco Nazareno Franchellucci – avere una rete internet veloce migliorerà i servizi della pubblica amministrazione e potenzierà il nostro tessuto produttivo». L’assessore Emanuela Ferracuti, sue le deleghe alla semplificazione e digitalizzazione, aggiunge «con la fibra ottica mettiamo le basi per una connettività di alto livello e per un Comune attrattivo e competitivo per i cittadini ma anche per l’industria, turismo, l’artigianato». L’ufficio tecnico in questi mesi è riuscito da accelerare lo studio delle pratiche che porteranno a indire una manifestazione di interesse e alla sottoscrizione delle convenzioni propedeutiche alla fibra ottica. Le connessioni saranno più stabili, meno soggette a interruzioni. Si ridurranno così i costi di manutenzione e il servizio sarà di più alta qualità. Una rete ultraveloce, sicura, a prova di futuro, dallo streaming online al telelavoro e l’e-commerce.

2-12-2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest