Pioggia di lavori straordinari al via

Due milioni e mezzo da investire nel biennio 2021/2022 per strade, marciapiedi e sottoservizi, la riqualificazione urbana avanza. Lavori straordinari ai nastri di partenza. Al via asfalti e nuovi marciapiedi nei quartieri della città. Tra gli obiettivi di questo mandato amministrativo spiccano due temi su tutti: intanto c’è l’intenzione di completare il restyling del centro città e al contempo c’è la volontà di avviare la riqualificazione urbana ovunque, dalla statale alle vie interne, dal lungomare all’entroterra. Da Fonte di Mare alla Faleriense passando per San Filippo. L’obiettivo è intervenire in contemporanea sia con la ristrutturazione del patrimonio pubblico che di quello privato, magari con incentivi alle persone per ammodernare le abitazioni, in particolare dei tanti palazzi che si affacciano sulla SS16 e sono malmessi. In zona Centro, in piazza Garibaldi, gli interventi sono in fese di completamento con il progetto definitivo del mercato coperto da risanare. In vista della redazione del nuovo piano triennale delle opere pubbliche per gli anni tra il 2021 e il 2023 l’amministrazione fissa le priorità. «Dopo aver dedicato gli anni passati ai lavori di riqualificazione delle scuole, che abbiamo potuto fare grazie alle risorse comunali e ai finanziamenti ottenuti, con l’imminente avvio degli appalti legati alla ricostruzione post-terremoto che riguardano le scuole Collodi e Galilei e a Villa Murri, oltre all’ampliamento della elementare Rodari, oggi possiamo programmare un grande piano di riqualificazione, quindi avviamo gli asfalti e sistemiamo i marciapiedi» dice il sindaco Nazareno Franchellucci, ritenendo di poter contare su nuova liquidità grazie alla riduzione dell’indebitamento e alla scadenza, tra il 2021 e il 2022, di mutui ventennali che tenevano bloccate queste operazioni. «Fino ad oggi – spiega il primo cittadino – dal punto di vista degli asfalti, a causa dei limiti di spesa e dell’interesse a riqualificare prima il centro e le scuole, non abbiamo potuto investire più di centomila euro l’anno per gli asfalti e abbiamo potuto lavorare poco anche su marciapiedi e sottoservizi. Adesso c’è la volontà di concentrare almeno un milione per il 2021 e un milione e mezzo per il 2022 in questa direzione, per intervenire subito su strade principali che hanno bisogno di manutenzione, da nord a sud. Contemporaneamente intendiamo partire con i primi lavori sui marciapiedi». C’è tanto lavoro da fare nella zona est della Faleriense, in via XX Settembre, nel tratto che collega il lungomare all’entroterra, San Filippo, quartiere fortemente urbanizzato. Ci sono i marciapiedi di Marina Picena da rifare sia in via Pergolesi che in via Sibillini. Si parte da qui, da questi due quartieri del lungomare per impostare «un ampio progetto di riqualificazione» rimarca il sindaco, ben sapendo che alla Faleriense il grosso del lavoro è sulle fogne, bisogna intervenire sulla raccolta delle acque piovane in via Potenza e proprio su quest’intervento il progetto definitivo è in corso di affidamento. Un progetto che dovrebbe migliorare la situazione su via Cadore, in parte di via Mazzini, ossia la Statale Adriatica a sud, e in via Siena. Tutte strade che si allagano puntualmente ad ogni pioggia e dove si formano pantani. «All’interno della maggioranza si è aperta una concertazione sugli interventi più urgenti e importanti da fare – fa sapere Franchellucci – il dialogo sarà allargato alle altre forze politiche e inevitabilmente ai quartieri e alla cittadinanza» la chiosa.

11-10-2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest