e se avesse ragione lei?

Zengli Shi non ci sta a passare per untrice del coronavirus e respinge al mittente le accuse dei complottisti ma davvero LI-Meng Yan è una complottista? Oppure ha ragione nel dire che il virus non è in natura ma è un prodotto che è stato manipolato sotto il controllo del partito comunista? Sembra fantascienza ma l’avremmo detto un anno fa che saremmo stati tutti chiusi in casa, che avremmo preso tremila euro di multa per correre in spiaggia senza mascherina, che avremmo avuto come premier uno spuntato dal nulla che sta facendo e dicendo tutto il contrario di quello che diceva e faceva l’anno prima, che il Papa rischia di passare per quello che protegge i traffichini delle casse vaticane, che un ragazzino di 11 anni si sarebbe buttato dal quinto piano per inseguire Jonathan Galindo eccetera eccetera? Me ne guardo dai complottisti ma siamo davvero in presenza di complottisti qui oppure uno scorcio di verità c’è?

The_Yan_Report

Il collega Stefano Filippi ha intervistato ieri via Skype Li-Meng Yan, la ricercatrice fuggita a New York sotto la protezione del governo Usa per il report del quale è prima firmataria, in 26 pagine di documento “The Yan Report” sostiene una tesi finora sussurrata e mai portata all’attenzione ufficiale del mondo scentifico: il coronavirus Sars-Cov-2 non è un prodotto della natura ma un’entità fabbricata in laboratorio a Wuhan, città da dove la pandemia è dilagata e fatta circolare, secondo la virologa “per destabilizzare il mondo”.

Yan fino a questa primavera lavorava nel dipartimento di Salute pubblica di Hong Kong University ma appena ha cominciato a pubblicare i primi risultati dei suoi studi sul Covid dice di essere stata costretta a cambiare aria. Dice anche che ci troviamo davanti a un virus artificiale elaborato e rilasciato dal Whuan Istitute of virology, un laboratorio di massima sicurezza posto sotto il controllo del Partito comunista cinese.

Secondo la ricercatrice nessuno dice la verità, né il governo cinese, né l’Organizzazione mondiale della sanità, né il mondo scientifico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest