La divertente carica dei nasi rossi

La divertente carica dei nasi rossi

La clownterapia approda a Porto Sant’Elpidio, un risultato al quale si lavorava da tempo. Meglio di un naso rosso e un sorriso non c’è niente e con la malattia si capisce ancor di più il valore di certo volontariato. Sarà per questo che inorgoglisce tutti l’ultima associazione sorta a Porto Sant’Elpidio, Comune con più associazioni di volontariato in Regione in rapporto alla popolazione. Inorgogliscono i nasi rossi perché si rivolgono a tutte le fasce deboli, bambini, anziani, malati. Ieri in conferenza stampa è stata presentata l’associazione appena costituita Vip Blabla Clown con sede in via Del Palo alla casa del volontariato. Con il sindaco Nazareno Franchellucci, l’assessore alla Cultura Luca Piermartiri e la capogruppo Pd Annalinda Pasquali c’erano il presidente della nuova associazione Carlo Libbi soprannominato Forrest Gump, il vicepresidente Alessandro Politi ribattezzato ragnetto e la segretaria Catherine Gerini detta Ciocina. Il gruppo è formato al momento da 12 nasi rossi e prepara all’ingresso di nuovi associati da formare per andare negli ospedali, nelle case di riposo, nelle carceri, nelle scuole a portare un sorriso dove c’è più bisogno. «Sosterremo quest’associazione che sarà operativa nel Sud delle Marche e non solo in tutti i modi possibili» dice Piermartiri e per “non solo” intende che i clown possono impegnarsi anche in altri Paesi fuori dall’Italia: in Perù, Bolivia, Cina, India, Albania, Romania, Cambogia, Bielorussia, ad esempio. Politi spiega il senso della prima parola che compone il loro tratto distintivo “Vip” che sta per “viviamo in positivo”. Una filosofia di vita. La federazione italiana collega 69 associazioni e nelle Marche, dopo Jesi e Senigallia, da adesso c’è Porto Sant’Elpidio. Politi parla della formazione che inizia con un corso base di tre giorni, a seguire 100 ore di tirocinio e la continuità fino a 100 ore annuali tra allenamenti e corsi specialistici, con progetti e missioni all’Estero. «Siamo oltre 4.800 in Italia e riusciamo a coprire oltre 200 strutture ospedaliere pubbliche e private, nelle Marche siamo in convenzione con gli ospedali di Senigallia, Pesaro e il Salesi di Ancona, pensiamo anche al Murri di Fermo in prospettiva» spiega il presidente. Per far parte dei nasi rossi non c’è limite d’età ma la formazione è necessaria. Non ci sono rimborsi spese per loro: «viviamo con le donazioni, il cinque per mille e i fondi raccolti nella giornata nazionale del naso rosso» spiega la segretaria. La capogruppo Pd Pasquai ha seguito tutta la gestazione dell’iniziativa e rimarca «a Porto Sant’Elpidio abbiamo il più alto numero di associazioni di volontariato in rapporto alla popolazione, siamo primi nelle Marche».

5f8fbd8b-5199-4eda-9570-5f224decd1f7 7e06d307-ca7b-4fbf-83da-f16ed2316819 8a10f86e-47b8-40d4-b000-2c402c951b1a c3f558f3-c216-4cbf-b095-91823b63b8fe

3-8-2020

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest