Chiuso Turkish Kebar, multa salata all’esercente 

Chiuso Turkish Kebar, multa salata all’esercente 

Chiuso il Turkish Kebar a Porto Sant’Elpidio, il locale di kebab gestito da un turco in piazza Garibaldi è stato fatto chiudere per 5 giorni dai carabinieri che hanno multato l’esercente perché il negozio non è stato trovato a norma con le regole anti-Covid durante il sopralluogo ieri notte. Si prevede un fine settimana caldissimo, come quelli che lo hanno preceduto tra risse e vandalismi a Porto San Giorgio come a Porto Sant’Elpidio e Lido Tre Archi, dove si concentrano le attenzioni delle forze dell’ordine. Le verifiche si sono fatte stringenti e l’esercizio che è stato fatto chiudere era monitorato da quando, lì davanti, sabato alle 5 c’era stata la faida tra ubriachi culminata due ore dopo davanti alla tabaccheria di Lido Tre Archi. Ieri notte i militari dell’Arma, la compagnia di Fermo con il Nucleo operativo radiomobile e la pattuglia della stazione di Porto Sant’Elpidio, hanno setacciato tutto il lungomare, il centro, la statale, verifiche in una decina di pub, bar, chalet. Obiettivo: l’ordine pubblico, la sicurezza. A Porto San Giorgio sono due, tre gli chalet sui quali si sono accesi i riflettori perché segnalati ai carabinieri in quanto proporrebbero “il cicchetto facile” ai minori. A Porto Sant’Elpidio e a Lido di Fermo altri locali sono nel mirino. I militari hanno cambiato tattica, non ci sono più solo i controlli a tappeto nei fine settimana ma le verifiche sono sempre più stringenti, notte e giorno. Poiché molti locali, nonostante siamo in piena estate, non hanno riaperto o non lavorano a pieno ritmo, la gioventù si riversa in strada e in spiaggia e lì può accadere di tutto con troppo alcol in corpo. E qui entrano in ballo i commercianti, chiamati a non esagerare con la vendita di alcolici, in particolare agli under 18. Perché sono i ragazzini tra i 14 e i 17 anni a tenere più sulle spine in questo periodo. La Prefettura è attenta su questo fronte, tanto che oggi alle 11 a Palazzo Caffarini Sassatelli c’è il sottosegretario al ministero dell’Interno Carlo Sibilia per sottoscrivere non uno ma due protocolli d’intesa: uno per prevenire e contrastare bullismo e cyber-bullismo, un altro per avviare il controllo di vicinato, con focus sul quartiere di Lido Tre Archi. Non può non preoccupare la recrudescenza della violenza in questo periodo, che colpisce anche in politica, a quanto pare di destra. Cinque giorni fa a Porto Sant’Elpidio era stata asportata la targa della Lega dalla sede del partito e ieri, sempre a Porto Sant’Elpidio, sulla targa di Fratelli d’Italia, nella sede del partito, campeggiava la scritta rossa: “merde” e sulla vetrata era scritto “antifa”.

carabinieri 2

15-7-2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest