Mai più modelle sottopeso in passerella. Elisa D’Ospina lancia la petizione e la dirige alla Camera della Moda

La vedete la modella qui sopra in foto? Ha sfilato alla Milano Fashion Week per una nota casa di moda italiana, le sue misure sono: petto 81, vita 63, fianchi 79, taglia 34. Quanto è grande una taglia 34?

22c154b181558bedfb43758fcb47b1cf3071325crop  petizione-contro-le-modelle-sottopeso-gucci

Inammissibile proporre un modello con queste misure! «Ritengo opportuno che venga firmata una carta in cui tutte le case di moda si impegnano a non utilizzare mai più donne in evidente sottopeso. Chiedo inoltre la presenza di personale competente, che si occupa di disturbi alimentari, al fine di valutare l’idoneità dei casi sospetti» dice Elisa D’Ospina, modella italiana trentasettenne. In prima linea nella battaglia contro l’anoressia e i canoni estetici proposti dalla moda. Lei è alta 1,80, pesa 70 kg, taglia 48. E’ una modella curvy fiera del suo corpo e simbolo dell’accettazione di sè. Segue la dieta mediterranea e pratica attività fisica, in particolare Zumba.

143227074-52328dd3-28b1-4987-9941-7ec5c3bc7ccf

Sua la petizione contro le modelle super magre: «Basta ragazze sottopeso e taglia 34 in passerella». E si vede la modella super-magra sulla passerella della fashion week di Milano Donna. Ha un corsetto di pelle nera stringato a coprire seni minuscoli. Le braccia sono scheletriche. Due lacrime nere sono dipinte con il make up sotto gli occhi del viso della ragazza. Le sue misure sono: 81- 63 -79. La taglia 34. E non è l’unica super magra della sfilata di Gucci.

Ashley-Graham-per-Swimsuitsforall-credits-to-@theashleygraham-690×690

Il tema dell’utilizzo di modelli e modelle sottopeso torna d’attualità. Elisa D’Ospina si batte da anni contro i disturbi alimentari di cui anche lei ha sofferto in passato ha lanciato l’allarme con una petizione su Change.org che ha già raccolto in poche ore oltre 17 mila firme. «Hai presente una taglia 34? È inammissibile – scrive D’Ospina – proporre un modello con queste misure. Ritengo opportuno che venga firmata una carta in cui tutte le case di moda si impegnano a non utilizzare mai più persone in evidente sottopeso. Chiedo inoltre la presenza di personale competente, che si occupa di disturbi alimentari, al fine di valutare l’idoneità dei casi sospetti».

GpTfqTvPiRCypyc-800×800-noPad

La Camera della Moda Italiana e il Comune di Milano avevano approvato nel lontano 2006, un codice anti-anoressia in cui era previsto che per sfilare le ragazze dovevano avere un giusto rapporto tra peso e altezza. Il tema non è solo milanese. «Purtroppo in queste ore anche a Parigi abbiamo visto tantissime ragazze sottopeso in passerella» scrive la D’Ospina in un aggiornamento sulla piattaforma delle petizioni ringraziando per il sostegno. Nel 2017 era stata siglata la carta comune per il benessere delle modelle e dei modelli dai gruppi del lusso LVMH e Kering (proprietari di marchi come Gucci, Dior, Bottega Veneta, Louis Vuitton, Saint Laurent, Fendi, Givenchy o Loro Piana). C’era stata perfino una proposta di legge presentata alla Camera dei Deputati dalla deputata del M5S Azzurra Cancelleri per dire stop alle modelle ‘taglia zero” che stabiliva il divieto d’impiegare in sfilate o campagne pubblicitarie modelle con un indice di massa corporea (rapporto tra peso e altezza) pari o inferiore a 18,5, indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come livello al di sotto del quale si può parlare di malnutrizione.

Ma a quanto mostrano le foto recenti, il tema non ha perso d’attualità e sembra andare in direzione contraria e opposta alla tendenza della moda di diventare più vicina ai modelli reali delle persone e più consapevole rispetto all’ estetica proposta, trasmettendo invece così un’immagine rischiosa in cui l’eccessiva magrezza sembra vincente perchè lo sceglie la griffe più cool e viene letta come modello da imitare.

nMsWCtvOmipwGMN-800×450-noPad

Seppure in relazione non alla magrezza ma più in generale alle tendenze, anche Giorgio Armani durante la fashion week ha parlato di «stupri degli stilisti» intendendo le forzature che fanno nelle loro proposte inducendo ad imitazioni. Proporre dalle passerelle un’estetica sottopeso è pericoloso e può far male alle fragilità giovanili. Il discorso vale per le ragazze ma anche per i ragazzi, dal momento che le passerelle sono piene di giovani scheletrici e i disturbi alimentari sono in crescita anche tra i maschi, come tristemente ci ricorda la morte qualche giorno fa di Lorenzo Seminatore, 20 anni, per anoressia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest