ilancio del sistema produttivo delle Marche

Prima Regione in Italia per Pil, dati positivi di crescita occupazionale e diminuzione della disoccupazione: è un contesto socio economico che registra segnali di ripresa e che incoraggia a proseguire il percorso intrapreso. Di questo ed altro si è parlato nel convegno per il rilancio del sistema produttivo delle Marche  organizzato dalla Fondazione Aristide Merloni nella Facoltà di Economia Fuà’. Nel confronto con le politiche delle Regioni in questi anni non risultano radicali differenze rispetto ai macro temi sui quali investire per sostenere le imprese: dall’internazionalizzazione all’innovazione, la migrazione verso il digitale, l’industria 4.0, la valorizzazione delle filiere, sono tantissimi i fondi che la Regione ha dedicato ai progetti europei. Le Marche hanno vissuto una fase più complicata rispetto all’Emilia-Romagna, sia per il punto di partenza che è fatto di imprese molto piccole verso un’economia che invece ha bisogno di una scala di dimensione diversa; in secondo luogo, non banale, quello che è stato per noi la crisi del credito con la funzione di Banca Marche, altro elemento di difficoltà e di freno. Ma resta l’incremento del Pil negli ultimi due anni, la crescita dell’occupazione e dell’ export che ha registrato nei primi nove mesi 2019 un più 3,9 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Si tratta quindi di impegnarsi per continuare a lavorare su temi come l’economia circolare, dove arriveranno i fondi europei più significativi, rafforzare le start up innovative e le pmi che stanno crescendo. Aumentano gli investimenti in ricerca e sviluppo e si rafforzano le imprese più strutturate. E’ in corso un processo di trasformazione e riorganizzazione dell’economia marchigiana che le politiche regionali stanno accompagnando.

merloni merloni2 merloni3

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest